STEAM Education e Tinkering

ARTICOLO SCRITTO DA: DEBORA CARMELA NIUTTA, AUTRICE E FORMATRICE SCUOLA OLTRE

Cosa sono le STEAM? E il Tinkering? STEAM è l’acronimo di Science, Technology, Engineering, Arts, Mathematics e si riferisce a un approccio all’apprendimento che utilizza scienza, tecnologia, ingegneria, arti e matematica come punti di accesso per guidare l’indagine degli studenti, il dialogo e il pensiero critico. L’utilizzo dell’istruzione STEAM si traduce in studenti che si assumono rischi, si impegnano nell’apprendimento esperienziale, persistono nella risoluzione dei problemi, imparano a collaborare e lavorano attraverso il processo creativo. Questi sono gli innovatori, gli educatori, i leader e gli studenti del 21° secolo! 

Una delle attività che meglio concilia gli aspetti scientifici con quelli artistici e creativi è il tinkering. Letteralmente tinkering significa “armeggiare”, ma si riferisce al tipo di esplorazione aperta, pratica e focalizzata di una varietà di materiali diversi che spesso porta a nuove idee e scoperte. È una metodologia utile a esplorare il mondo, a sviluppare innovazione, creatività e motivazione, attraverso l’uso della manualità da una parte, e l’utilizzo di abilità digitali dall’altra, in ottica curriculare trasversale e verticale. Si tratta di un apprendimento informale in cui si insegna a pensare con le mani e si impara facendo. Uno dei suoi capisaldi è l’enfasi sul processo rispetto al prodotto: il risultato finale è meno importante delle esperienze creative degli alunni. 

Le principali attività che si possono proporre consistono nel costruire o decomporre oggetti, progettare macchine che si muovono o disegnano, esplorare materiali o elementi meccanici, creare artefatti originali o reazioni a catena. Lo scopo del tinkering è realizzare oggetti di vario genere utilizzando materiali di recupero, facilmente reperibili anche in casa. Scatole, bicchieri, fogli di carta, pezzi di legno, fili metallici, involucri di plastica sono solo alcuni degli ingredienti che servono per mettersi all’opera. Le cose che si possono costruire sono tantissime: circuiti elettrici, piccoli robot, giocattoli meccanici, piste per biglie, meccanismi di reazione a catena, sculture e ancora molto altro. Tutto ciò offre anche una grande opportunità per lo sviluppo delle capacità motorie negli studenti più giovani, stimolando la coordinazione delle dita e delle mani. 

Oggi, gran parte di ciò che chiediamo agli studenti nella STEAM Education ha a che fare con la risoluzione dei problemi e la collaborazione. Tuttavia, al fine di risolvere con successo i problemi, essi devono avere familiarità con una varietà di materiali fisici, oltre a essere flessibili, creativi e lavorare bene con i coetanei. Il Tinkering sviluppa queste abilità: è un trampolino di lancio per ciò che gli studenti dovranno affrontare man mano che crescono e continuano nel loro percorso scolastico. Gli alunni sono sempre più impegnati in una vita scolastica e domestica molto strutturata e impegnata, il che non consente lo sviluppo delle preziose competenze che derivano dal tempo non strutturato e dal costruire personalmente ciò che desiderano. La scuola deve fare uno sforzo per dare ai propri alunni la possibilità di smontare, montare, riciclare, costruire, insomma, fare tinkering

Cosa farai la prossima volta che scoprirai che un tuo alunno ha smontato una penna o ha costruito un supporto per il suo quaderno con le matite colorate? Incoraggialo e lanciagli la tua sfida STEAM!

 

 

Related Posts

LEGGERE LA MUSICA? UN GIOCO DA BAMBINI

LEGGERE LA MUSICA? UN GIOCO DA BAMBINI

Molti ritengono che imparare a decifrare i segni musicali sia tanto difficile quanto imparare a leggere e scrivere in cinese. Alcuni sono convinti che siano necessarie doti artistiche “speciali” e che si tratti di un’attività destinata solo a pochi eletti, mentre altri sono stati “scioccati” dai noiosi solfeggi di lontana memoria e la sola idea di sfogliare una partitura attiva in loro un senso di disgusto.

leggi tutto
Il primo giorno di scuola

Il primo giorno di scuola

Ero seduta sul mio balcone una sera di qualche mese fa e guardavo tra i diversi vasi che abitano il mio terrazzo, il vaso giallo comprato un paio di settimane prima, in cui avevo messo un bulbo regalatomi per il mio trentaquattresimo compleanno.

leggi tutto

0 Comments

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *