Per una didattica dei“se”. Apprendere con divertimento… a distanza

Per una didattica dei“se”. Apprendere con divertimento… a distanza

06/04/2020

In questo periodo di disorientamento, nel cercare di fare didattica a distanza, possiamo aggrapparci ai principi e ai valori che consideriamo alla base del nostro agire a scuola. Può sembrare paradossale, ma questa virtualità ci sta mettendo di fronte a diversi nodi della realtà e chiede d’interrogarci su tematiche che ci stanno a più a cuore. È possibile mantenere punti di riferimento quando di mezzo c’è uno schermo? A distanza non sarà mai la stessa cosa, ma occorre provarci, dobbiamo fare il possibile. In che modo?

 

Connettiamoci, nel senso più “antico” del termine: il suo significato originario (dal latino connèctere) è “attitudine a congiungersi”, rimanda a una “relazione”. Dunque, connettiamoci con i “compiti di realtà” (quelli aderenti alla vita di tutti i giorni… restando a casa) e ribaltiamo qualche punto di vista: colleghiamoci con una “casa a distanza” per fare una “scuola della vicinanza”.

Mettiamo al centro la vita dei bambini, partiamo da loro, dalle loro storie, dalle loro teorie sul mondo. Favoriamo il dialogo fra noi e loro, e fra loro e loro, valorizzando il piccolo gruppo. Rinforziamo alleanze con i genitori condividendo il senso delle proposte. Ci sono tanti “ma”, che possiamo affrontare con altrettanti “se”, ricercando, nell’ottica dell’inclusione, varianti e linguaggi possibili intorno ad una stessa idea. Anche se andrebbe sempre fatta, a distanza, possiamo fare una “didattica dei se…”. Ed ecco tre “se” alla ricerca di molti altri.

 

lI primo “se” è quello di una didattica consapevole che siamo insieme, ma stando ciascun per sé, perciò è necessario escogitare strategie relazionali che possano “bucare lo schermo”.

Il secondo è relativo al primo, perché abbiamo appena detto “se” con l’accento, facendolo diventare “sé”. Quindi, si vuole considerare il “diritto all’errore” come un passaggio essenziale nel procedere “per tentativi… e tentativi”. Dove i primi a fare gli errori saremo noi, nei nostri esperimenti di didattica distanza.

Il terzo è relativo a quei “se” di una didattica che ricerca quello che ognuno ha e può fare a casa per poter mettere i bambini nelle condizioni di agire partendo dal principio del “cosa so fare se”. E allora, seppur “a distanza”, ricerchiamo opportunità, sosteniamo lo sguardo ludico dei bambini, consideriamo la casa come un “laboratorio” facendo emergere i saperi e le competenze della vita quotidiana …se… ci sarà “connessione”.

 

Vuoi sapere di più sull’argomento appena letto? Clicca sul pulsante.

Related Posts

Fare musica da 0 a 6 anni

Fare musica da 0 a 6 anni

La musica ha un potere quasi magico perché ci permette di utilizzare un canale di comunicazione preferenziale con il bambino/a: tranquillizza, rassicura, mette allegria, distrae, contribuisce a far gruppo, potenzia la creatività, aumenta la capacità di trovare strategie per risolvere i problemi.

leggi tutto
Fare didattica con la STEAM Education

Fare didattica con la STEAM Education

Il framework STEAM consente di progettare un curriculum tale da utilizzare le competenze trasversali richieste nella vita quotidiana. Consente, inoltre, ai singoli insegnanti, di progettare le loro lezioni in modo tale che gli studenti sviluppino queste abilità collettivamente, attraverso lezioni integrate.

leggi tutto

0 Comments

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.