La competenza digitale

ARTICOLO SCRITTO DA: MARIA TIZIANA PERRA FORMATRICE SCUOLA OLTRE

 

LA COMPETENZA DIGITALE

Le sue opportunità nell’educazione

La competenza digitale è una delle otto competenze chiave che sono state classificate e ulteriormente rimodulate dal Consiglio dell’Unione Europea nel maggio del 2018 facendo riferimento alla propria Raccomandazione del 2006 mettendo l’accento su elementi importanti della società attuale come lo sviluppo sostenibile e le competenze imprenditoriali, ormai ritenute indispensabili per “assicurare resilienza e capacità di adattarsi ai cambiamenti”.

La competenza digitale consiste nel saper usare con dimestichezza e in modo critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) e richiede dunque abilità di base nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).

Come docenti abbiamo l’obbligo di comprendere come si possa incentivare la creatività e innescare l’innovazione.[1]

Il DigCompEdu (ma vedasi anche l’azione #14 del PNSD) si suddivide in sei aree riguardanti diversi aspetti dell’attività professionale dei docenti, dei formatori e delle formatrici riguardanti la capacità di usare le tecnologie digitali per

  • la comunicazione organizzativa, la collaborazione e la crescita professionale
  • individuare, condividere e creare risorse educative digitali,
  • gestire e organizzare l’utilizzo delle tecnologie digitali nei processi di insegnamento/apprendimento,
  • utilizzare strumenti e strategie digitali per migliorare le pratiche di valutazione e per favorire l’inclusione, la personalizzazione e il coinvolgimento attivo degli studenti,
  • aiutare gli studenti ad utilizzare in modo creativo e responsabile le tecnologie digitali per attività riguardanti l’informazione, la comunicazione, la creazione di contenuti, e aspetti impreteribili come il benessere personale e la risoluzione dei problemi.

Questo documento utilizza il Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER) individuando dei descrittori atti a motivare i docenti e le docenti nel processo di autovalutazione del ruolo assunto a scenda del livello di competenza raggiunto, dal livello di Novizio (A1) fino a quello di Pioniere (C2). Ispirandosi alla tassonomia degli obiettivi educativi di Bloom (utilizzata in ambito educativo per normare le fasi di acquisizione di abilità e competenze nel processo di apprendimento/insegnamento), il QCER parte da fasi più semplici come memorizzare e comprendere, applicare e analizzare, per giungere fino quelle più complesse come valutare e creare.

Le competenze digitali sono un veicolo per lo sviluppo di competenze trasversali e attitudini[2] essenziali (come la curiosità, lo spirito di iniziativa, la perseveranza, l’adattabilità, la leadership e la consapevolezza socio-culturale) e rappresentano un nuovo linguaggio, una nuova alfabetizzazione: il pensiero algoritmico che è stato e sarà latore di grandi cambiamenti sociali ed economici.

In quest’ottica si comprende l’utilità della creazione di contenuti digitali nella didattica: essa richiede competenze logiche, computazionali, tecnologiche, operative, semantiche e interpretative e la capacità di rinvenire, comprendere, descrivere, utilizzare e produrre contenuti compositi e organizzati. Tali elaborati permettono al discente di trasformarsi da fruitore passivo in consumatore critico e soprattutto in creatore di prodotti e realizzazioni digitali il cui processo favorisce lo sviluppo di ulteriori competenze trasversali spendibili in ambito lavorativo come: risolvere problemi, concretizzare idee, acquisire autonomia di giudizio, pensiero creativo, consapevolezza delle proprie capacità, duttilità e adattabilità nella ricerca di soluzioni (si vedano le azioni #14, #16, #17, #19 del PNSD).

Nella prospettiva dell’educazione alla cittadinanza attiva e responsabile e dell’inclusione sociale nell’era della società dell’informazione in cui le tecnologie informatiche e dei media assumono un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’attività dell’uomo è cruciale che i docenti si adoperino per far acquisire agli alunni competenze di alfabetizzazione su informazioni e dati e competenze di comunicazione e collaborazione, in totale sicurezza formando cittadini capaci di individuare bisogni e risolvere problemi attraverso l’utilizzo creativo delle tecnologie digitali.

Note

 

[1] Piano d’azione per l’istruzione digitale 2021-2027 della Commissione Europea e PNRR- missioni 1 e 4

[2] Framework 21st-Century Skills Framework – World Economic Forum

Related Posts

Fare musica da 0 a 6 anni

Fare musica da 0 a 6 anni

La musica ha un potere quasi magico perché ci permette di utilizzare un canale di comunicazione preferenziale con il bambino/a: tranquillizza, rassicura, mette allegria, distrae, contribuisce a far gruppo, potenzia la creatività, aumenta la capacità di trovare strategie per risolvere i problemi.

leggi tutto
Fare didattica con la STEAM Education

Fare didattica con la STEAM Education

Il framework STEAM consente di progettare un curriculum tale da utilizzare le competenze trasversali richieste nella vita quotidiana. Consente, inoltre, ai singoli insegnanti, di progettare le loro lezioni in modo tale che gli studenti sviluppino queste abilità collettivamente, attraverso lezioni integrate.

leggi tutto

0 Comments

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.