Emozioni e Covid-19 in bambini, adolescenti e genitori: una ricerca europea

Emozioni e Covid-19 in bambini, adolescenti e genitori: una ricerca europea

07/04/2020

Lettera ai Genitori: presentazione del progetto di ricerca

Cari Genitori,

“I bambini non sono estranei agli eventi stressanti”

Così affermano Garmezy e Masten (1986) che si sono dedicati allo studio delle possibili difficoltà che bambini e adolescenti si trovano a dover affrontare nelle situazioni stressanti.

L’improvvisa pandemia di Covid-19, causata dal SARS-CoV-2, può essere definita come un evento stressante, che ha colpito bambini, giovani e adulti.

Mentre noi adulti si siamo dovuti adattare a nuove regole, nuovi stili di vita e nuove abitudini cercando di riorganizzare in maniera rapida il lavoro e la gestione della famiglia, i bambini e gli adolescenti sono stati costretti a subire queste limitazioni nel loro abituale modo di interagire e agire, talvolta senza poterne capire a pieno la ragione. Basta feste di compleanno, basta partite di pallavolo, calcio o basket, basta uscite al parco, basta lezioni di chitarra al pomeriggio e basta compiti a casa dell’amico. In modo repentino la quotidianità di bambini e adolescenti è stata alterata imponendo interminabili ore a casa, con l’interfaccia del computer come compagno di banco.

Questi cambiamenti potrebbero, in alcuni casi, portare ad una riduzione del benessere psicologico e all’insorgenza di una serie di sintomatologie e difficoltà, non solo ora, ma anche alla fine dell’emergenza. Inoltre, soprattutto durante il verificarsi dell’evento, le reazioni di bambini e adolescenti, sono largamente influenzate dagli adulti più vicini, spesso i genitori, i quali, a loro volta, devono far fronte alle loro perso­nali reazioni.

L’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con altre Università Europee e con il supporto di SCUOLAOLTRE, sta conducendo uno studio sulle emozioni e sulle risorse di bambini e adolescenti (età 3-18 anni) e dei loro genitori, durante questo periodo di emergenza sanitaria e di isolamento sociale, con l’obiettivo di approfondire e comprendere l’impatto psicologico dei cambiamenti comportamentali, emotivi e della quotidianità, che genitori e bambini stanno affrontando in queste settimane.

Per questa ragione, chiediamo la vostra disponibilità per rispondere ad alcune domande (https://forms.gle/byQ8z1Ldo7mC5atv9). La compilazione richiederà circa 15 minuti di tempo e sarà in forma anonima. Chiederemo la vostra collaborazione per tre volte (indicativamente ogni 2 settimane) più un’ultima volta ad un mese dalla fine dell’emergenza sanitaria.

Siamo consapevoli che la disponibilità richiesta potrebbe apparire un po’ impegnativa, ma è per noi fondamentale poter seguire nel tempo come possibili difficoltà e/o risorse possano incidere sul benessere psicologico di bambini, adolescenti e genitori.

La vostra collaborazione è preziosa per l’intera comunità!

 

Per informazioni, suggerimenti, richieste e supporto: progettoemozioni.emergenza@gmail.com

Un ringraziamento in anticipo

Un carissimo saluto

#insiemecelafaremo

Link al questionario: https://forms.gle/byQ8z1Ldo7mC5atv9

 

Prof. E. Delvecchio e Prof. C. Mazzeschi

Laboratorio di Psicologia e Culture

Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione

Università degli Studi di Perugia

Related Posts

Fare musica da 0 a 6 anni

Fare musica da 0 a 6 anni

La musica ha un potere quasi magico perché ci permette di utilizzare un canale di comunicazione preferenziale con il bambino/a: tranquillizza, rassicura, mette allegria, distrae, contribuisce a far gruppo, potenzia la creatività, aumenta la capacità di trovare strategie per risolvere i problemi.

leggi tutto
Fare didattica con la STEAM Education

Fare didattica con la STEAM Education

Il framework STEAM consente di progettare un curriculum tale da utilizzare le competenze trasversali richieste nella vita quotidiana. Consente, inoltre, ai singoli insegnanti, di progettare le loro lezioni in modo tale che gli studenti sviluppino queste abilità collettivamente, attraverso lezioni integrate.

leggi tutto

0 Comments

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.