“TEATRALIZZAZIONE DELLA DIDATTICA”

Destinatari: Insegnanti della scuola Primaria, della scuola Secondaria I grado, educatori e chiunque sia interessato al tema.

Un piccolo cambiamento, curato, diffuso e continuo è l’unica via per intervenire su sistemi relazionali di ordine superiore. Perché se (1) elevato alla 365esima darà sempre 1, (1,01) elevato alla 365esima porta ad un risultato molto differente. Aggiungendo solo 0,01.
Nella didattica appare funzionale modificare non necessariamente la proposta ma il come, i modi, la presentazione, appare necessario trasformare una modalità passiva e trasmissiva in coinvolgimento, ricerca. Bisogna creare curiosità.
Teatralizzare la didattica significa individuare le chiavi di accesso all’attenzione degli studenti e delle studentesse, consiste nell’inventare modi per allentare quel filtro che tende a chiudere i canali di attenzione, rendendo affascinante ogni argomento didattico. Siete pronti a ricercare, immaginare e inventare il vostro 0,01?

Compila i dati qui sotto e aspetta qualche secondo per essere reindirizzato/a direttamente alla lezione webinar e scaricare i materiali e l’attestato di partecipazione.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente. Aspetta qualche secondo per essere reindirizzato/a direttamente alla lezione webinar e scaricare i materiali e l’attestato di partecipazione.

Per tutte le informazioni sulla Privacy CLICCA QUI.

* Ho preso visione dell'informativa ed esprimo il mio consenso al trattamento dei dati personali e all'iscrizione alla newsletter di Scuola Oltre per ricevere sconti, notizie, aggiornamenti.

Utilizziamo Brevo come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Brevo per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Ora che hai compilato tutti i campi clicca sotto su "ISCRIVITI"

FORMATORE

Francesco Bianchi: educatore professionale, formatore, clown, TEDx speaker, si muove continuamente all’interno dell’ambito educativo cercando di mantenere lo sguardo attento e curioso su tutto ciò che avviene, e che può avvenire; conduce laboratori con bambini e ragazzi, e parallelamente prosegue la sua attività di formatore in vari ambiti: Pedagogia clown (metodologie clown applicate in ambito pedagogico), Facilitazione linguistica, Educazione cooperativa e Giochi cooperativi, Didattica della Memoria (con specifico riferimento alle deportazioni nazifasciste).